Uno dei paesi che abbiamo apprezzato di più durante il nostro viaggio di otto mesi in sud est asiatico è la Malesia. Abbiamo notato che è un paese molto sottovalutato perché, nonostante non se ne parli molto tra i turisti italiani, ha davvero tanto da offrire.

Da città futuristiche come Kuala Lumpur a centri storici come Georgetown, dalle foreste tropicali del Taman Negara alle spiagge paradisiache delle Isole Perhentian, dalle piantagioni da tè delle Cameron Highlands agli oranghi del Borneo, la Malesia è davvero un paese super diversificato che si è rivelato una fantastica scoperta!

Quando andare in Malesia: periodo migliore

La Malesia presenta un clima equatoriale con temperature calde e umide tutto l’anno. Come la maggior parte dei paesi del sud est asiatico, però, anche qui è presente una stagione secca ed una stagione delle piogge. Perciò è bene capire qual è il periodo migliore per un viaggio in Malesia.

Per quanto riguarda la costa orientale della Malesia Peninsulare (Isole Perhentian, Isola di Redang) e il Borneo Malese, il periodo migliore è da maggio a settembre durante la stagione secca; da novembre a marzo sono chiuse la maggior parte delle strutture della Malesia Peninsulare ed è addirittura quasi impossibile raggiungere le isole a causa delle forti piogge. Invece, il periodo migliore per visitare la parte occidentale della Malesia Peninsulare (Langkawi, Perak e Georgetown) va da novembre a febbraio.

Potete visitare tappe come Kuala Lumpur, Malacca, Cameron Highlands, Ipoh e Taman Negara in qualsiasi periodo dell’anno.

Documenti necessari per l’ingresso in Malesia

Per l’ingresso in Malesia è necessario il passaporto, con almeno sei mesi di validità residua dalla data di ingresso. Non è invece necessario il visto di ingresso per turismo per soggiorni inferiori a 90 giorni.

A partire dal 1 dicembre 2023 è obbligatorio registrare online il proprio ingresso nel paese con la Malaysia Digital Arrival Card (MDAC), che dovrà essere presentata alla frontiera insieme al passaporto. È possibile richiedere la Malaysia Digital Arrival Card a partire da 3 giorni prima dell’ingresso in Malesia sul sito: https://imigresen-online.imi.gov.my/mdac/main

Thean Hou Temple a Kuala Lumpur 2 credit to @wanderlustabout

Vaccini consigliati e obbligatori per viaggiare in Malesia

L’unico vaccino obbligatorio per l’ingresso in Malesia è quello della febbre gialla, ma solo nel caso in cui il viaggiatore provenga da uno dei paesi a rischio di trasmissione della malattia o che abbia transitato per più di 12 ore in uno degli aeroporti dei paesi a rischio.

Anche se altri vaccini non sono obbligatori, prima del nostro viaggio in Malesia ci siamo recati al centro di malattie internazionali della nostra città dove ci hanno consigliato di fare alcuni vaccini: epatite A, tetano, tifo e colera.

Per quanto riguarda la malaria non esiste un vero e proprio vaccino, ma una profilassi che può dare problemi e che quindi è consigliabile parlarne con il proprio medico prima di procedere. Viaggiando lontano dalla stagione delle piogge (periodo dove sono maggiormente presenti le zanzare), abbiamo preferito evitare e prestare molta attenzione coprendo le zone esposte in caso di trekking nella giungla e di utilizzare un potente repellente per zanzare. Noi ci troviamo benissimo con il JUNGLE FORMULA Molto Forte (link Amazon qui).

Assicurazione medica consigliata per un viaggio in Malesia

Quando si parla di viaggi internazionali è sempre consigliabile partire con una buona assicurazione sanitaria che copra sia i problemi legati alla propria salute che possibili disagi relativi a voli, bagagli e così via. Al momento la migliore assicurazione del mercato è HEYMONDO (pagamenti diretti, prezzi ottimi, assistenza H24 in italiano tramite App) per la quale possiamo offrirvi un 10% di sconto esclusivo! Per ottenere lo sconto basta cliccare su questo link promozionale.

Scheda SIM in Malesia: quale comprare per internet veloce

Anche se in Malesia potete trovare Wi-Fi in quasi tutti i bar, hotel e ristoranti, è sempre bene avere una scheda SIM che ti assicuri una buona connessione internet ovunque ti trovi. Sia se devi cercare qualcosa o se hai bisogno di prenotare un Grab, avere internet sul cellulare è quasi obbligatorio.

Per avere una connessione internet veloce in qualsiasi parte della Malesia, vi consigliamo la scheda SIM della Celcom. Noi ci siamo trovati davvero benissimo; anche nella giungla del Taman Negara avevamo una buona connessione 4G. Inoltre i prezzi sono davvero ottimi: abbiamo pagato solo 10€ per una SIM da 40GB (in connessione veloce) per 30 giorni.

Le schede SIM possono essere acquistate direttamente in qualsiasi aeroporto al momento dell’arrivo in Malesia. Se, invece, preferite avere internet già dal momento dell’arrivo nel paese, potete acquistare un eSIM virtuale di Holafly o di Airalo.

App utili da usare in Malesia

Di seguito vi elenchiamo alcune app utili da usare in Malesia:

Converter: app di cambio valuta che vi permetterà di convertire velocemente da una valuta all’altra.

Grab: app tipo Uber diffusa in tutto in sud est asiatico per prenotare taxi. È praticamente obbligatorio scaricare l’app di Grab perché è il modo più semplice per spostarsi, e anche abbastanza economico.

12GoAsia: app utile per prenotare bus, treni e traghetti.

NordVPN: app per geolocalizzarvi in Italia, utile sia per vedere contenuti in streaming in altri paesi, per proteggersi dai WiFi pubblici ed evitare di essere bloccati da alcuni siti web.

Quanti giorni trascorrere in Malesia

Anche se a prima vista può sembrare un paese piccolo, in realtà la Malesia è un paese molto grande dove ci sono moltissime cose da vedere. Durante il nostro viaggio di un otto mesi in sud est asiatico, abbiamo trascorso più di un mese alla scoperta di questo meraviglioso paese e ci manca ancora molto da vedere.

Per un primo viaggio in Malesia vi consigliamo di trascorrerci 2 settimane se volete visitare solo la Malesia Peninsulare, o 3 settimane se volete aggiungere anche il Borneo al vostro itinerario!

Come arrivare e come spostarsi in Malesia

È molto facile raggiungere la Malesia perché dall’Italia ogni giorno partono voli per l’aeroporto internazionale di Kuala Lumpur. Potete trovare i giorni più convenienti e confrontare le varie compagnie aeree direttamente su Skyscanner.

È possibile entrare in Malesia anche via terra tramite bus da Singapore o Thailandia, o via mare con traghetto per Langkawi. Potete confrontare le tariffe e acquistare i biglietti sul sito di 12GoAsia.

Per spostarsi da una zona all’altra della Malesia potete scegliere di utilizzare voli interni, bus o noleggiare un’auto. Per i voli vi consigliamo di vedere le tariffe su Skyscanner, mentre per i bus di controllare su 12GoAsia. Per quanto riguarda il noleggio auto, le strade sono tutte in ottime condizione, ma vi ricordo che è necessaria la patente internazionale. Potete trovare le migliori tariffe su DicoverCars.

Se non vi va di muovervi con i mezzi locali, un modo comodo e abbastanza economico per spostarsi all’interno delle città è utilizzare Grab, l’app asiatica tipo Uber per prenotare taxi.

Cosa vedere in Malesia: le tappe da non perdere

Kuala Lumpur

Kuala Lumpur è la vivace e multiculturale capitale della Malesia, tappa obbligatoria di qualsiasi viaggio in questo paese. Una città che ci è piaciuta davvero tantissimo e di cui potete leggere la nostra guida completa con tutte le informazioni per organizzare al meglio la vostra visita. Da qui potete facilmente raggiungere con una gita giornaliera la città storica di Malacca, il centro amministrativo di Putrajaya e le Genting Highlands.

Batu caves e scale colorate credit to @wanderlustabout

Ipoh

Tralasciata dalla maggior parte degli itinerari della Malesia, Ipoh è una piccola città che è stata anche inserita al 6°posto delle migliori destinazioni asiatiche della Lonely Planet. È conosciuta per le sue formazioni naturali di roccia calcarea e templi rupestri tra i più belli della Malesia. Vi lasciamo l’articolo completo su cosa vedere, dove dormire e come arrivare.

Cameron Highlands

Con un’altitudine tra gli 800 m e i 1600 m sopra il livello del mare, le Cameron Highlands rappresentano un’area unica della Malesia dove le temperature più fresche e meno umide rendono questa zona ideale per varie coltivazioni, prime fra tutte quelle della pianta del tè. Se avete voglia di saperne di più, potete leggere la nostra guida completa sulle Cameron Highlands.

Taman Negara

Il Taman Negara è il parco nazionale più grande della Malesia e la foresta pluviale più antica del mondo, con stime che la collocano ad oltre 130 milioni di anni fa. È una delle ultime giungle incontaminate del pianeta dove si possono avvistare alcune delle specie in via d’estinzione. Uno dei luoghi che abbiamo amato di più durante il nostro viaggio in Malesia e con tantissime cose da fare. Vi consigliamo di leggere la nostra guida su tutto quello che vi serve sapere per visitare la foresta più antica del mondo.

Isole Perhentian

Le Isole Perhentian sono un insieme di isole spettacolari situate al largo della costa orientale della Malesia, di cui le due maggiori sono Perhentian Besar e Perhentian Kecil. Sono il posto ideale per tutti quelli che desiderano trovare un po’ di relax in una destinazione paradisiaca con sabbia bianca e acqua cristallina. Se avete voglia di saperne di più, potete leggere la nostra guida completa sulle Isole Perhentian.

Isola di Redang

L’Isola di Redang è una delle nove isole dell’arcipelago di Pulau Redang, situato al largo della costa orientale della Malesia. Fa parte di un’area marina protetta ed è uno dei migliori punti per lo snorkeling di tutto il sud est asiatico. Se avete voglia di conoscere di più sulle sue spiagge paradisiache e acque cristalline vi lasciamo l’articolo completo su cosa fare, dove dormire e come arrivare.

Georgetown e l’Isola di Penang

Conosciuta per essere la città più colorata del paese, Georgetown è rappresentata da un mix di culture diverse, meravigliosa street art e delizioso cibo da strada. Il centro della città è un patrimonio mondiale dell’UNESCO, ma Penang è molto più di Georgetown come potete vedere sull’articolo dedicato a cosa vedere a Georgetown e sull’isola di Penang.

Borneo Malese

Sicuramente la parte che abbiamo amato di più della Malesia è il Borneo. In realtà, il Borneo è una grande isola divisa tra tre stati: Malesia, Indonesia e Brunei. Noi abbiamo visitato il Borneo Malese, in particolare la regione del Sarawak dove abbiamo avuto la possibilità di vedere gli orangotanghi e conoscere gli Iban, la famosa tribù degli ex tagliatori di teste. Per saperne di più su questo meraviglioso viaggio e di come organizzare un tour qui potete leggere il nostro articolo dedicato al Sarawak.

Dove dormire in Malesia: alloggi consigliati

Di seguito vi elenchiamo alcuni alloggi consigliati per dormire in Malesia in base alle varie tappe.

Kuala Lumpur: lyf Raja Chulan Kuala Lumpur, un boutique hotel nel cuore di Chinatown (circa 40€ per una camera matrimoniale).

Ipoh: Bedrock Hotel Ipoh, boutique hotel appena fuori dal centro storico (circa 65€ a notte per camera doppia).

Cameron Highlands: Strawberry Park Resort, un bellissimo resort in stile Tudor con vista sulle Highlands (circa 60€ a notte per camera matrimoniale)

Taman Negara: Mutiara Taman Negara Resort (prezzi intorno ai 120-150€ a notte a camera), se si desidera dormire all’interno del parco del Taman Negara, o il Tebing Guest House (noi abbiamo dormito qui, 60€ a camera per due notti) nella cittadina di Kuala Tahan, a pochi passi da dove partono le barche per raggiungere il parco.

Isole Perhentian: noi abbiamo soggiornato sull’isola di Kecil al Villamas Perhentian Resort e ci siamo trovati abbastanza bene; non era un resort di lusso, ma le camere erano semplici e pulite con un bellissimo terrazzino vista mare (circa 60-70€ a notte).

Isola di Redang: Redang Pelangi Resort, un resort che offre pacchetti all inclusive situato su una delle spiagge bianche più belle dell’isola. Per le tariffe dipende dal periodo e dal numero di notti che si intende fare.

Georgetown: Sweet Cili Boutique Hotel, un piccolo boutique hotel situato nel centro città (circa 45€ per una camera matrimoniale).

Kuching (città principale del Sarawak da dove partono i vai tour): The LimeTree Hotel, un hotel molto carino a meno di10 minuti a piedi dal Riverside (circa 35€ per una camera matrimoniale).

Piscina panoramica di hotel a Kuala Lumpur credit to @wanderlustabout

Itinerario Malesia

Itinerario Malesia di 2 settimane

Kuala Lumpur (2 notti)
Ipoh o Georgetown (2 notti)
Cameron Highlands (2 notti)
Taman Negara (2 notti)
Isole Perhentian o Isola di Redang (4 notti)
Kuala Lumpur (2 notti)

Itinerario Malesia di 3 settimane

Kuala Lumpur (2 notti)
Ipoh o Georgetown (2 notti)
Cameron Highlands (2 notti)
Taman Negara (2 notti)
Isole Perhentian o Isola di Redang (3-4 notti)
Borneo (5-6 notti)
Kuala Lumpur (2 notti)

Vuoi restare aggiornato sulle migliori offerte per viaggi low cost?

Il segreto per risparmiare è il tempismo e grazie ai nostri canali di comunicazione viaggiare a prezzi da poracci non è mai stato più semplice. Scarica la nostra App Android o App iOS! Grazie all’App potrai ricevere notifiche push in tempo reale direttamente sul tuo smartphone (no spam) e accedere velocemente al sito ogni qual volta pubblichiamo una nuova offerta poraccia!

In alternativa puoi restare costantemente aggiornato via Telegram o WhatsApp entrando nei nostri Canali Ufficiali Telegram e WhatsApp (non solo offerte, ma anche news e anteprime); seguendo le nostre Pagine Facebook e Instagram; entrando nel nostro Gruppo Facebook Ufficiale; oppure iscrivendoti alla nostra Newsletter (modulo di iscrizione in fondo al sito).

Scritto da ALESSIA CILVANI

Su Instagram sono @wanderlustabout, classe ’94. Amante della fotografia, le mie più grandi passioni sono i viaggi, i libri e la pizza…non necessariamente in quest’ordine. Adoro la pianificazione di un viaggio quasi quanto il viaggio stesso.

Potrebbero interessarti anche:

Poracci In Viaggio | Offerte Viaggi Low Cost