Kuala Lumpur, capitale del paese, è la città ideale per iniziare il vostro itinerario della Malesia.

Conosciuta per attrazioni come le Batu Caves e le Petronas Towers, Kuala Lumpur è la perfetta combinazione tra tecnologia moderna e natura. Inoltre, la multiculturale e vivace capitale della Malesia è una delle poche città al mondo dove culture e religioni diverse convivono pacificamente.

Batu Caves a Kuala Lumpur - Header - credit to @wanderlustabout

In questo articolo troverete un itinerario di cosa vedere a Kuala Lumpur in 3 giorni che vi permetterà di non perdervi neanche una delle principali attrazioni della città. Inoltre vi forniremo una guida completa sulla città di Kuala Lumpur, con tutte le informazioni per organizzare al meglio la vostra visita.

Quando andare a Kuala Lumpur: il periodo migliore

Kuala Lumpur può essere visitata in qualsiasi momento dell’anno, perché a causa della posizione della città vicina all’Equatore le temperature sono suppergiù costanti tutto l’anno. Questo vuol dire che caldo e umidità vi perseguiteranno in qualsiasi mese deciderete di visitarla.

Un fattore da prendere in considerazione, però, è la pioggia. I mesi di marzo-aprile e ottobre-novembre sono quelli più piovosi, quindi tenetelo a mente. I mesi di alta stagione, e quindi con i prezzi più alti, sono da maggio a luglio. Noi siamo stati a settembre e, a parte un giorno in cui ha fatto un breve acquazzone, il meteo è sempre stato buono.

Come arrivare a Kuala Lumpur

Probabilmente Kuala Lumpur sarà la vostra prima tappa di un viaggio in Malesia e quindi arriverete all’aeroporto internazionale di Kuala Lumpur con un volo dall’Italia.

Da Singapore potete raggiungere Kuala Lumpur anche con l’autobus che potete prenotare direttamente online sul sito 12GoAsia.

Come arrivare dall’aeroporto di Kuala Lumpur al centro città

Ci sono varie opzione per arrivare dall’aeroporto di Kuala Lumpur al centro città. Vediamole insieme:

– La soluzione più economica per raggiungere il centro di Kuala Lumpur dall’aeroporto è prendere l’autobus diretto SkyBus per la KL Sentral. L’autobus parte ogni 30 minuti, dalle 4.30 all’1.30 di notte dall’aeroporto verso la stazione centrale, dalle 3.00 alle 23.00 dalla stazione verso l’aeroporto. Il tragitto dura un’ora e il biglietto costa 11RM (circa 2€).

– Il modo più veloce per raggiungere il centro di Kuala Lumpur, e viceversa, è con il treno KLIA Express che parte ogni 20 minuti, dalle 5.00 a mezzanotte sia dall’aeroporto verso la KL Sentral che viceversa. Il tragitto dura 30 minuti e il biglietto costa 55RM (circa 11€).

– Considerando i prezzi di Kuala Lumpur, la soluzione più comoda per arrivare dall’aeroporto di Kuala Lumpur al centro città, o meglio ancora direttamente al tuo hotel, è Grab. Grab è un’app tipo Uber usata tantissimo in Asia e con prezzi molto abbordabili. Noi per raggiungere il nostro hotel abbiamo pagato 70RM (circa 14€) e il tragitto è durato un’ora.

Tempio di Thean Hou a Kuala Lumpur credit to @wanderlustabout

Come muoversi a Kuala Lumpur

Kuala Lumpur ha un ottimo sistema di metropolitana che rende gli spostamenti in città molto facili e veloci. Ciò nonostante, visti i prezzi bassissimi di Grab, noi abbiamo preferito muoverci sempre così, o a piedi. In media non abbiamo mai superato i 3-4€ per una corsa con Grab.

Quanti giorni trascorrere a Kuala Lumpur

Dopo aver visitato la città per circa 10 giorni possiamo dirvi che Kuala Lumpur ha davvero molto da offrire. Potreste trascorrervi una settimana senza mai annoiarvi, ma difficilmente vi troverete a farlo. Diciamo che 3 giorni a Kuala Lumpur sono il lasso di tempo ideale per conoscere la città.

Ovviamente se avete intenzione di visitare anche i dintorni, come Putrajaya o Malacca, vi conviene trascorrerci qualche giorno in più. In questa guida vi inseriremo anche le gite giornaliere più belle che potete fare da Kuala Lumpur qualora siate interessati.

Dove alloggiare a Kuala Lumpur

Kuala Lumpur non è molto grande come città e come vi ho detto gli spostamenti con Grab sono davvero molto economici, per questo motivo non ha molta importanza dove deciderete di alloggiare perché potrete raggiungere il centro in modo molto economico. Un dato da tenere in considerazione, però, è il tempo. Kuala Lumpur è molto trafficata e quindi gli spostamenti non sono brevissimi.

Noi, ad esempio, alloggiavamo in un monolocale molto carino preso in affitto su Airbnb che si trova a circa 2 km dal centro e impiegavamo una ventina di minuti di taxi per raggiungere il centro. Avendo però avuto più di 10 giorni di tempo pe visitare la città non ci è pesato molto.

Tuttavia, se avrete pochi giorni a disposizione, vi consigliamo di alloggiare in una delle zone più centrali per evitare di perdere tempo utile per esplorare la città. I quartieri che vi suggeriamo sono quelli di Bukit Bintang e Chinatown, vicini alla maggior parte delle attrazioni principali di Kuala Lumpur.

Piscina panoramica di hotel a Kuala Lumpur credit to @wanderlustabout

A seconda del vostro budget, vi consigliamo qualche struttura che potrebbe interessarvi:

Santa Grand Classic Kuala Lumpur, Chinatown: camere piccole, ma super carine nel centro di Kuala Lumpur (circa 35€ per una camera matrimoniale).

lyf Raja Chulan Kuala Lumpur: boutique hotel nel cuore di Chinatown (circa 40€ per una camera matrimoniale).

Ceylonz Starlight Suites Bukit Bintang: se preferite avere un piccolo monolocale, questa è la struttura che fa per voi. C’è una che una bellissima piscina a sfioro (circa 50€ per una camera matrimoniale).

Hotel Royal Signature: a 500 metri da Centro commerciale Berjaya Times Square, questo 5* ha prezzi davvero assurdi (circa 70€ per una camera matrimoniale).

KLoe Hotel: un bellissimo boutique hotel con piscina nel centro di Bukit Bintang (circa 80€ per una camera matrimoniale).

Cosa vedere a Kuala Lumpur in 3 giorni: itinerario

Giorno 1 – Merdeka Square, Chinatown, Kuala Lumpur Tower

Merdeka Square

La prima tappa di un itinerario di Kuala Lumpur non può non essere Merdeka Square, ovvero “la piazza dell’indipendenza”. Questa piazza ha una grande importanza storica perché è qui che il 31 agosto 1957 la Malesia dichiarò l’indipendenza dal dominio britannico. A commemorazione dell’evento al centro della piazza c’è la bandiera malese che sventola su un pennone alto 95 metri e il 31 agosto di ogni anno si tiene la parata del Giorno dell’Indipendenza.

La piazza, che fino a quel momento veniva usata come campo da cricket per il Selangor Club, è circondata da molti edifici storici e punti d’interesse: l’edificio e la moschea del sultano Abdul Samad, la St Mary’s Cathedral, la vecchia sede del Royal Selangor Club, la Victoria Fountain, la City Gallery e il National Textiles Museum.

Merdeka Square credit to @wanderlustabout

Palazzo del sultano Abdul Samad

Situato proprio di fronte a Merdeka Square, il Palazzo del Sultano Abdul Samad è uno dei monumenti storici più significativi della Malesia. L’edificio prende il nome dall’allora regnante sultano di Selangor e, anche se oggi non riveste alcuna importanza ufficiale, è uno dei luoghi turistici più visitati di Kuala Lumpur.

Il palazzo fu progettato nel 1897 dallo stesso architetto responsabile della vicina moschea Masjik Jamek e costruito interamente in mattoni, con graziosi archi e una torre dell’orologio che sembra un mini Big Ben! La sua affascinante illuminazione serale e le sue decorazioni lo rendono uno dei luoghi da vedere a Kuala Lumpur di notte.

Palazzo del sultano Abdul Samad a Kuala Lumpur credit to @wanderlustabout

Moschea del sultano Abdul Samad

Situata sulla riva del fiume Klang, la Moschea del Sultano Abdul Samad Jamek o Masjid Jamek (come viene chiamata in malese) è una delle moschee più antiche di Kuala Lumpur e fino all’apertura della Moschea Nazionale nel 1965 era considerata la moschea principale della città.

Prima della costruzione della moschea nel 1909, il sito veniva utilizzato come primo cimitero musulmano di Kuala Lumpur. Molte delle tombe furono poi riesumate al momento della costruzione mentre altre rimasero all’interno del complesso e alcune vecchie lapidi si possono ancora vedere nei giardini della moschea.

Moschea del sultano Abdul Samad a Kuala Lumpur credit to @wanderlustabout

River of Life

Situata vicino alla Moschea del Sultano Abdul Samad, il River of Life è il punto di convergenza dei due fiumi di Kuala Lumpur: il fiume Klang e il fiume Gombak. È nato come progetto di riqualificazione nel 2012 ed ha trasformato la zona in un bellissimo luogo per rilassarsi, prendere un caffè o scattare foto dei murales e della moschea.

River of Life a Kuala Lumpur credit to @wanderlustabout

Central Market

Lungo la strada da Merdeka Square a Chinatown è obbligatoria una sosta al Central Market. Questo enorme edificio ospita numerose bancarelle che vendono artigianato locale ed è il posto perfetto per acquistare souvenir.

Il Central Market ha una grande importanza storica perché fu costruito nel 1888 come “wet market”, ovvero un mercato all’aperto dedito alla vendita di beni deperibili, quali carne fresca, pesce o frutta. Quando Kuala Lumpur iniziò a prosperare, la popolazione crebbe e il Central Market continuò ad espandersi per ospitare più venditori. Quando alla fine degli anni ’80 il mercato venne trasferito di sede, la Malaysian Heritage Society presentò una petizione contro la demolizione dell’edificio e il mercato subì un’altra importante trasformazione da luogo che vendeva pesce, pollame e verdure in una casa per la cultura, l’arte e l’artigianato tradizionale malese.

Central Market a Kuala Lumpur credit to @wanderlustabout

Chinatown – Petaling Street

Il quartiere di Chinatown è uno dei posti più belli di Kuala Lumpur in cui potete osservare una contrapposizione tra le facciate dei vecchi edifici coloniali e quello che ospitano oggigiorno.

L’epicentro della Chinatown è Petaling Street, un lungo mercato al coperto pieno di oggetti “falsi” in vendita come orologi firmati, borse firmate, gioielli, scarpe, cinture, cappelli, giocattoli, custodie per cellulari e qualsiasi altra cosa.

Anche se questi prodotti potrebbero non interessarvi, è comunque un posto divertente in cui passeggiare per chi visita Kuala Lumpur per la prima volta. Inoltre qui potrete assaggiare alcuni tra i cibi di street food più buoni di tutta la città.

Chinatown - Petaling Street a Kuala Lumpur credit to @wanderlustabout

Sin Sze Si Ya Temple

Fondato nel 1864 da Kapitan Yap Ah Loy, il tempio Sin Sze Si Ya è il tempio taoista più antico di Kuala Lumpur e una targa all’ingresso ne attesta il riconoscimento. Non è molto semplice trovarlo perché è nascosto in una stradina laterale poco distante da Petaling Street. E, anche se piccolo, è davvero molto bello.

Il tempio è dedicato a Si Sze Ya e Sin Sze Ya, due divinità protettrici. In realtà Sin Sze Ya e Si Sze Ya non erano divinità centrali nel taoismo cinese, ma due persone che aiutarono Yap Ah Loy a difendere Kuala Lumpur in una guerra civile e che furono elevate allo status di divinità per la loro buona volontà.

Anche se il tempio Sin Sze Si Ya attira molti turisti per la sua bellissima architettura cinese e i suoi decorati santuari, rimane ancora oggi un importante luogo di culto per la comunità taoista cinese locale.

Sin Sze Si Ya Temple a Kuala Lumpur credit to @wanderlustabout

Kwai Chai Hong

Uno dei posti più belli della Chinatown di Kuala Lumpur è il Kwai Chai Hong, un piccolo vicolo ricco di murales che illustrano scene della vita quotidiana della gente del posto durante l’epoca d’oro della Chinatown degli anni ’60.

Questa strada esiste da quasi un secolo, ma per molti anni è stata in uno stato fatiscente e solo recentemente è stata ristrutturata. Kwai Chai Hong è la traslitterazione cantonese dei tre caratteri 鬼仔巷 e significa “Little Ghost Lane” o “Little Demon Alley”. Ci sono varie teorie sull’origine del nome. Una di queste è che poiché questo è un posto dove i bambini amano giocare, il nome deriva da “bambini cattivi” che in ciese si scrivere con i caratteri Kwai Chai 鬼仔.

Un’altra teoria è che questo sia un luogo in cui erano soliti circolare gangster, ubriaconi e tossicodipendenti, e quindi gli è stato dato un nome con una connotazione negativa. Inoltre, questo luogo era anche il nascondiglio della banda clandestina Dragon Tiger Clan i cui membri si chiamano Kwai Chai 鬼仔.

Kwai Chai Hong - Chinatown a Kuala Lumpur credit to @wanderlustabout

Merdeka 118

Con la sua imponente facciata blu e il design sorprendente, è difficile non rimanere stupefatti di fronte al Merdeka 118. Di recente costruzione. Il Merdeka 118 vanta 679 m di altezza e questo lo rende non solo l’edificio più alto della Malesia, ma il secondo più alto del mondo dopo il Burj Khalifa a Dubai.

L’edificio può essere visto da quasi ogni angolo di Chinatown e caratterizza lo skyline della città. Il nome della torre “Merdeka” significa Giorno dell’Indipendenza in malese e commemora l’indipendenza della Malesia.

Street Art

Oltre al vicolo di Kwai Chai Hong, la Chinatown di Kuala Lumpur è ricca di murales. Gli artisti locali hanno fatto un ottimo lavoro aggiungendo più colore a Chinatown e l’Old Kuala Lumpur Street Art ne è un ottimo esempio. Qui troverai un enorme murales che illustra la vita degli immigrati cinesi in passato.

È il posto perfetto per scattare foto, senza contare che da qui si ha un’ottima vista sul Merdeka 118.

Old Kuala Lumpur Street Art credit to @wanderlustabout

Sri Maha Mariamman Temple

Lo Sri Maha Mariamman Temple, costruito nel 1873 da K Thamboosamy Pillai come tempio privato per la famiglia Pillai, è il tempio indù più antico di Kuala Lumpur. In origine era un luogo di culto venerato dai primi immigrati indiani, ma ora ha anche una grande importanza culturale e nazionale.

La facciata del tempio è super colorata e presenta la “Rajah Gopuram”, una struttura a forma di torre alta 23 metri in cui sono raffigurati diverse divinità indù. L’architettura interna del tempio è un’allegoria al corpo umano: al Rajah Gopuram corrispondono i piedi, mentre l’altare principale corrisponde alla testa. Nell’insieme il tempio simboleggia il passaggio dal mondo materiale a quello spirituale.

La visita del tempio è gratuita, ma per entrare è necessario avere gambe e ginocchia coperte.

Sri Maha Mariamman Temple a Kuala Lumpur credit to @wanderlustabout

Guan Di Temple

Non molto lontano da Petaling Street si trova il Guan Di Temple, un piccolo tempio taoista praticante. Se non avete mai visto tempi cinesi, rimarrete davvero stupiti dal fumo dell’incenso che brucia lentamente.

Il tempio è dedicato a Guan Di, il dio della guerra. Le pareti sono rivestite di un colore rosso brillante che significa abbondanza e felicità nella vita umana. Due temibili leoni di pietra sono posizionati lungo il muro per tenere lontani gli spaventosi spiriti maligni, mentre pesci e draghi sono adornati sul tetto e sulla porta del tempio a simboleggiare il potere e la ricchezza.

In questo tempio si trova anche il Guan Dao, una leggendaria arma cinese di 59kg. Molti visitano questo tempio perché credono che la spada possieda il potere speciale di benedire e proteggere una persona se questa la tocca o la solleva. Alcuni, invece, credono che possieda un’energia interiore che può cambiare magicamente la fortuna di una persona.

 KL Forest Eco Park

Il KL Forest Eco Park è una delle più antiche riserve forestali della Malesia. Situata accanto alla Torre di Kuala Lumpur, questa riserva forestale copre un’area di circa 11.0000 metri quadrati ed è stata fondata nel 1906, rendendola l’unica foresta pluviale tropicale rimasta nel centro della città di Kuala Lumpur.

Il parco offre una varietà di sentieri naturalistici e passerelle sospese tra gli alberi. Inoltre, dai punti più alti è possibile osservare lo skyline della città.

Torre di Kuala Lumpur

La Torre di Kuala Lumpur, o Menara KL, è una delle principali attrazioni della città. Costruita nel 1996, con i suoi 421 metri è la torre di comunicazione più alta di tutto il Sud Est Asiatico e la settima torre più alta del mondo.

Vista la sua altezza, la torre può essere osservata da quasi qualsiasi punto di Kuala Lumpur, ma la vera attrazione è la vista panoramica dall’alto, soprattutto al tramonto.

KL Forest Eco Park e Torre di Kuala Lumpur

Giorno 2 – Batu Caves, Petronas Towers, Bukit Bintang

Batu Caves

Situate a circa 20 minuti di auto dal centro città, le Batu Caves sono uno dei più importanti siti religiosi indù al di fuori dell’India e una tappa obbligatoria per tutti quelli che vengono a visitare Kuala Lumpur.

Le Batu Caves sono costituite da una serie di grotte calcaree, alcune delle quali risalgono ad oltre 400 milioni di anni fa. Avvicinandosi alle grotte la prima cosa che si nota è l’imponente statua dorata di Lord Murugan. Eretta nel 2006, questa è la statua più alta del mondo dedicata a questa divinità e custodisce i 272 gradini che conducono all’ingresso della grotta.

Per raggiungere la grotta principale conosciuta con il nome di Temple Cave, infatti, è necessario farsi strada lungo questa scalinata colorata senza farsi attaccare dalle numerose scimmie che popolano il tempio. Io non ci sono riuscita… ho commesso l’errore di guardarne una negli occhi e questa ha deciso di utilizzarmi tipo trampolino per saltare xD

Batu caves e scale colorate credit to @wanderlustabout

Petronas Towers

Le Petronas Twin Towers sono gli edifici più iconici di Kuala Lumpur. Con i loro 452 metri di altezza, sono state gli edifici più alti del mondo fino al 2004, quando furono superate in altezza dal Taipei 101 a Taiwan. Tuttavia, detengono ancora oggi il titolo di torri gemelle più alte di mondo.

Grazie alla loro altezza possono essere ammirate quasi da qualsiasi punto della città, ma non dimenticate di andarle a vedere dal basso per osservarne la maestosità. Meglio ancora se di sera quando sono illuminate. Se siete interessati è anche possibile acquistare i biglietti per attraversare lo sky bridge che collega le due torri e ammirare il panorama della città!

Petronas Towers a Kuala Lumpur credit to @wanderlustabout

KLCC Park

Alla base delle Petronas Towers c’è uno dei parchi più belli di Kuala Lumpur, il KLCC Park. Questo parchetto è stato creato con l’intento di aggiungere un piccolo spazio verde nelle vicinanze delle torri per rilassarsi e fare una passeggiata.

Il parco diventa molto più magico la sera grazie al Lake Symphony, un lago artificiale con fontane danzanti che si trova proprio di fronte al centro commerciale Suria KLCC. È proprio di sera che questo lago prende vita con uno spettacolo musicale, il Symphony Lake Water Show. Questo si tiene alle 20, alle 21 e alle 22 e cambia a seconda della canzone con luci e fontane che formano diversi modelli di animazione seguendo il ritmo e la melodia per mostrare una magica performance di musica e acqua.

KLCC Park a Kuala Lumpur credit to @wanderlustabout

Golden Triangle

Conosciuta come la zona dello shopping di Kuala Lumpur, il Golden Triangle (il Triangolo d’Oro) corrisponde al punto d’incontro di tre strade che formano i lati di un triangolo: Jalan Imbi, Jalan Sultan Ismail e Jalan Raja Chulan.

Questo triangolo ospita imponenti grattacieli, hotel di lusso e alcuni grandi centri commerciali come il Pavilion Kuala Lumpur e il Berjaya Times Square. Per questo motivo, se siete interessati allo shopping o se volete ammirare uno dei quartieri più vivaci di Kuala Lumpur, non potete non farci un salto!

Bukit Bintang

Bukit Bintang è il principale quartiere dell’intrattenimento di Kuala Lumpur. Durante il giorno attira soprattutto locali e turisti nei suoi numerosi centri commerciali. Mentre di notte si accendono le luci di ristoranti, bar e mercati che animano il quartiere trasformandolo in uno dei principali posti per la nightlife di Kuala Lumpur.

Inoltre, se vi trovate a passare di giorno nel quartiere di Bukit Bintang non perdetevi assolutamente le meravigliose opere di street art nascoste tra i suoi vicoli!

Bukit Bintang quartiere di Kuala Lumpur credit to @wanderlustabout

Berjaya Times Square

Tra i numerosi centri commerciali di Kuala Lumpur, quello che più vi consigliamo di visitare è il Berjaya Times Square. In realtà questo è un complesso di torri gemelle che fungono da hotel, condominio, parco divertimenti al coperto e complesso di centri commerciali. La sua particolarità è quella di avere le montagne russe al coperto più alte del mondo!

Berjaya Times Square a Kuala Lumpur credit to @wanderlustabout

Jalan Alor Food Street

Tappa obbligatoria per tutti gli amanti dello street food, di sera non potete non passare per Jalan Alor Street. Dopo le 5 di pomeriggio, infatti, questa strada si trasforma nel principale night market di Kuala Lumpur.

Tra ristoranti e bancarelle di strada, qui si vende davvero di tutto, dal cibo cinese a quello thailandese. Insomma sarete circondati da così tanti cibi deliziosi che non saprete cosa scegliere!

PS: se siete interessati allo street food, il Tour gastronomico di Kuala Lumpur è quello che fa per voi!

Jalan Alor Food Street a Kuala Lumpur credit to @wanderlustabout

Giorno 3 – Thean Hou Temple, Little India, Museo Nazionale, Perdana Gardens

Thean Hou Temple

Il Thean Hou Temple è uno dei templi più belli di Kuala Lumpur. Si trova fuori dal centro città e, nonostante sia abbastanza recente, è uno dei più grandi del Sud Est Asiatico.

Il Tempio di Thean Hou è dedicato alla divinità femminile del mare Mazu (Thean Hou). Sebbene questa sia una divinità cinese, questo tempio combina perfettamente elementi di taoismo, confucianesimo e buddhismo.

La sua struttura è davvero incredibile e rappresenta una combinazione riuscita di stile architettonico contemporaneo e design tradizionale. Visitare il Tempio di Thean Hou è in assoluto una delle cose più belle da fare a Kuala Lumpur, senza perdere l’opportunità di ammirare la bellissima vista dalla Robson Hill e fare una passeggiata tra i segni zodiacali nei giardini del tempio.

Thean Hou Temple a Kuala Lumpur 2 credit to @wanderlustabout

Little India

Brickfields è nome ufficiale del quartiere di Little India di Kuala Lumpur. I suoi residenti vivono qui da generazioni rendendolo uno dei quartieri più grandi e antichi della Malesia. Anche se lontani dal loro paese d’origine, tantissimi indiani, srilankesi e bengalesi chiamano questo posto “casa”.

La strada principale della Little India di Kuala Lumpur è Jalan Tun Sambanthan. Passeggiare per questa strada vi farà dimenticare di essere in Malesia e vi trasporterà per un attimo in India tra facciate colorate, odori di spezie, musica tradizionale e negozi tipici.

Little India quartiere di Kuala Lumpur credit to @wanderlustabout

Museo Nazionale della Malesia

Essendo la capitale del paese, Kuala Lumpur ospita il Museo Nazionale della Malesia che descrive in dettaglio la ricca storia e il diversificato patrimonio culturale della Malesia.

Il museo è diviso in quattro sale (Preistoria, Regni Malesi, Epoca Coloniale, Età Moderna) che vi offriranno l’opportunità di conoscere il paese e la sua ricca storia, vedendo anche come sono cambiate le cose fino ai giorni d’oggi.

Kuala Lumpur Railway Station

La Kuala Lumpur Railway Station, la vecchia stazione ferroviaria della città, è uno dei monumenti più famosi di Kuala Lumpur. Fino alla costruzione delle Petronas Towers, insieme al Palazzo del Sultano Abdul Samad, questa era tra i simboli più iconici e fotografati della città.

Costruita nel 1910, è una delle stazioni più incredibili del Sud Est Asiatico. La sua architettura a metà tra cultura occidentale e orientale la rende simile ad una moschea, e per quanto la stazione sia stata ristrutturata nel corso degli anni, la struttura esterna è lo stessa di quando fu aperta oltre un secolo fa.

Anche se la Kuala Lumpur Railway Station è comunemente chiamata la Vecchia Stazione Ferroviaria, è ancora oggi attraversata da numerosi treni.

Kuala Lumpur Railway Station credit to @wanderlustabout

Masjid Negara (Moschea Nazionale della Malesia)

Kuala Lumpur ospita la Moschea Nazionale della Malesia, una delle principali attrazioni della città. Conosciuta anche come Masjid Negara, questa fu completata nel 1965 in onore dell’indipendenza della Malesia. Dopo aver ottenuto l’indipendenza, infatti, i primi ministri dell’allora Federazione Malese decisero di costruire una nuova moschea a Kuala Lumpur come gesto simbolico per riunire i musulmani di tutti gli stati appena unificati e come simbolo della separazione del nuovo paese dall’impero britannico.

Oltre ad essere una delle principali luoghi d’interesse della città, la Moschea Nazionale della Malesia è ovviamente un sito religioso che vanta un’architettura mozzafiato e dei giardini bellissimi. I suoi tratti distintivi sono il tetto a stella a 16 punte ed il suo minareto di 73 metri, uno dei più alti del mondo!

Masjid Negara - Moschea Nazionale della Malesia a Kuala Lumpur credit to @wanderlustabout

Perdana Botanical Gardens

I Perdana Botanical Gardens sono senza dubbio uno dei luoghi più sottovalutati di Kuala Lumpur. Conosciuti con il nome di Lake Gardens o Tamik Tasik Perdana, questi giardini botanici fanno parte dell’Heritage Park.

Il parco è davvero enorme ed è il luogo perfetto per fuggire dalla città e godere di un po’ di pace e tranquillità. Qui potete trovare prati, sculture, giardini, un grande lago e anche alcune delle migliori viste panoramiche della città!

Perdana Botanical Gardens a Kuala Lumpur credit to @wanderlustabout

Tugu Negara

Conosciuto anche come Monumento Nazionale, il Tugu Negara fu costruito in ricordo dei soldati caduti durante la lotta per l’indipendenza della Malesia ed è uno dei luoghi storici più significativi del paese.

Con un’altezza di oltre 15 metri, il monumento è una delle statue di bronzo più grandi del mondo ed è composto da sette soldati che portano la bandiera della Malesia. Ciascuno dei soldati rappresenta una delle sette qualità della leadership: comando, unità, coraggio, forza, cautela, sofferenza e sacrificio.

Gite giornaliere da Kuala Lumpur

Da Kuala Lumpur è possibile raggiungere con una gita giornaliera alcune delle principali destinazioni della Malesia. Vi elenchiamo di seguito quelle che secondo noi sono le migliori:

Malacca: città storica della Malesia, inserita dall’UNESCO tra i patrimoni dell’umanità;

Putrajaya: città costruita perché sostituisse Kuala Lumpur come centro governativo e amministrativo;

Genting Highlands: tra le località preferite dagli abitanti di Kuala Lumpur er scappare dal caldo e dall’umidità;

Kuala Selangor Nature Park: parco naturale famoso per le sue uscite serali in barca circondati da migliaia di lucciole.

Chin Swee Caves Temple - Genting Highlands credit to @wanderlustabout

Dove andare dopo Kuala Lumpur?

Nella maggioranza dei casi, Kuala Lumpur è la prima tappa di un itinerario della Malesia. Essendo la capitale, infatti, qui arrivano la maggior parte dei voli internazionali.

Dopo aver trascorso qualche giorno qui, avrete l’imbarazzo della scelta su dove dirigervi visto che i collegamenti con il resto del paese sono davvero incredibili.

Potrete facilmente raggiungere la città di Ipoh per ammirarne la street art e i tempi rupestri, oppure dirigervi alle Cameron Highlands, note per le piantagioni di tè e i sentieri escursionistici. Da Kuala Lumpur potete facilmente andare anche al Taman Negara, la foresta pluviale più antica del mondo, o se avete voglia di mare prendere un volo per le Isole Perhentian o l’Isola di Redang.

Hotel con piscina panoramica a Kuala Lumpur credit to @wanderlustabout

Vuoi restare aggiornato sulle migliori offerte per viaggi low cost?

Il segreto per risparmiare è il tempismo e grazie ai nostri canali di comunicazione viaggiare a prezzi da poracci non è mai stato più semplice. Scarica la nostra App Android o App iOS! Grazie all’App potrai ricevere notifiche push in tempo reale direttamente sul tuo smartphone (no spam) e accedere velocemente al sito ogni qual volta pubblichiamo una nuova offerta poraccia!

In alternativa puoi restare costantemente aggiornato via Telegram o WhatsApp entrando nei nostri Canali Ufficiali Telegram e WhatsApp (non solo offerte, ma anche news e anteprime); seguendo le nostre Pagine Facebook e Instagram; entrando nel nostro Gruppo Facebook Ufficiale; oppure iscrivendoti alla nostra Newsletter (modulo di iscrizione in fondo al sito).

Scritto da ALESSIA CILVANI

Su Instagram sono @wanderlustabout, classe ’94. Amante della fotografia, le mie più grandi passioni sono i viaggi, i libri e la pizza…non necessariamente in quest’ordine. Adoro la pianificazione di un viaggio quasi quanto il viaggio stesso.

Potrebbero interessarti anche:

Poracci In Viaggio | Offerte Viaggi Low Cost