Guida completa per compilare il modulo per la richiesta del visto per l’India online. Tutto quello che devi sapere per richiedere il visto d’ingresso per l’India online, con tanto di guida passo passo con immagini e spiegazioni. Tutorial completo e iper-dettagliato per l’ottenimento del visto elettronico per l’India online.

© Credit to DonyaNedomam @ Depositphotos

L’India è senza alcun dubbio uno dei paesi più belli, grandi e discussi di tutto il mondo. Sarà per le migliaia di video che girano ogni giorno sui social, spesso fake o non contestualizzati a dovere, oppure per la difficoltà che molti viaggiatori alle prime armi trovano nell’organizzare itinerari per l’India in totale autonomia, perché magari non sanno districarsi in contesti meno commerciali e inflazionati…sta di fatto che l’India è in realtà un paese molto turistico, super accogliente e sempre più accessibile anche ai viaggiatori meno esperti.

L’India è il paese dei miti e delle leggende. E fino a qualche anno fa godeva di un certo misticismo anche la procedura per la richiesta del visto d’ingresso in India, che andava fatta compilando tutta una serie di scartoffie prendendo appuntamento in ambasciata o presso un consolato indiano. Fortunatamente anche l’India si è aggiornata e dal 2014 è possibile richiedere il visto d’ingresso per l’India direttamente online. La procedura richiede meno di 20 minuti e in questo articolo ti guideremo passo passo lungo tutta la procedura.

Chi può fare il visto per l’India online e quali documenti avere a portata di mano

L’India è un paese estremamente diplomatico e sono più di 171 le nazionalità idonee per la richiesta del visto per l’India online. L’elenco completo delle nazionalità accettate è sul Sito del Governo Indiano e l’Italia ovviamente è uno dei paesi autorizzati per la richiesta del visto per l’India online.

Oltre ad essere cittadino di uno dei paesi idonei, è necessario che lo scopo della visita ricada nelle categorie di turismo, d’affari o mediche ed è obbligatorio avere un passaporto con validità residua di almeno 6 mesi dalla data di arrivo in India e con almeno due pagine libere necessarie per ospitare i timbri che verranno posti sul passaporto.

Il visto elettronico, cioè appunto il visto ottenuto tramite la procedura online, viene accettato ai fini dell’ingresso in India solo in 31 aeroporto e 5 porti marittimi. L’elenco completo dei punti di ingresso è qui https://www.visa-india-online.org/it/porti-marittimi-dell%27aeroporto-indiano-evisa, mentre l’uscita è consentita da qualsiasi posto di controllo dell’immigrazione autorizzato in India, compresi quelli accessibili via aerea, marittima, ferroviaria o stradale.

In soldoni, se arrivi in India via aereo è davvero improbabile atterrare in un aeroporto non adatto al visto elettronico.

Il visto turistico per l’India da 30 giorni, che è quello più diffuso e richiesto dalla maggior parte dei viaggiatori che scelgono l’India per un viaggio in solitaria o un tour organizzato, ha un costo di 25$ a persona, è possibile pagare con qualsiasi carta Visa o Mastercard (anche PostePay o Revolut) e i documenti che bisogna avere a portata di mano prima dell’inizio della procedura online sono: tutti i propri dati personali, ovviamente il passaporto, informazioni generiche sul proprio itinerario in India, una propria foto recente diversa da una fototessera (non va bene quindi il ritaglio della foto del passaporto) e la scansione del passaporto.

Nel paragrafo seguendo abbiamo stilato una guida iper-dettagliata di tutta la procedura online per la richiesta del visto elettronico per l’India, con tanto di immagini e screenshot con informazioni e spiegazioni basate sulla nostra esperienza (viaggio in India imminente in occasione dell’Holi Festival 2024). Ovviamente se qualcosa non dovesse essere chiaro non esitare a scriverci su Instagram o Facebook.

Come fare il visto per l’ingresso in India online: guida passo passo con immagini

Richiedere il visto per l’ingresso in India online non è difficile, basta solo avere pazienza e prestare attenzione. Iniziamo collegandoci alla Home Page del Sito Ufficiale del Governo Indiano predisposto per la richiesta del visto per l’India online, ovvero https://indianvisaonline.gov.in/evisa/.

Il sito è interamente in lingua inglese e non è possibile cambiare lingua, ma si possono utilizzare gli appositi tastini in alto a destra della pagina per modificare la grandezza dei caratteri nel caso si abbiano problemi di vista o il testo risulti troppo piccolo per una lettura chiara. Per iniziare la procedura di richiesta del visto per l’India online bisogna cliccare su “Apply here for e-visa”.

NB. Nel dettaglio, le informazioni e documenti chiave che è necessario avere a portata di mano per la compilazione del modulo sono: tutti i propri dati personali, il passaporto con relativi codici, dati e visti dei viaggi effettuati negli ultimi anni, informazioni sul proprio itinerario in India (nome, indirizzo e numero di telefono del primo hotel previsto nel viaggio), una propria foto recente in formato jpg quadrata da massimo 1 MB diversa da quella del passaporto (noi ci siamo fatti un selfie frontale con in sfondo una parete bianca ed è stato più che sufficiente) e la scansione del passaporto in PDF da massimo 300 kb (noi abbiamo fatto la foto col cellulare, l’abbiamo tagliata e l’abbiamo convertita in PDF con Canva, tutto ok).

Iniziamo.

La primissima cosa da fare appena si inizia la compilazione della domanda per il visto d’ingresso per l’India online è inserire i primi dati personali e in particolare Nazionalità (noi inseriamo ITALY), Passaporto (cioè la tipologia del proprio documento o passaporto, per i classici turisti va bene ORDINARY PASSPORT), Aeroporto di Arrivo (noi inseriamo DELHI AIRPORT), Data di nascita in formato DD/MM/AAAA, Indirizzo email, Tipo di visto richiesto (noi inseriamo eTourist Visa for 30 Days, perché il nostro viaggio durerà 15 giorni, e selezioniamo come motivazione TOURISM,RECREATION,SIGHT-SEEING) e Data di arrivo in India.

Non c’è alcun problema se non si rispetta alla perfezione la data di arrivo inserita in questa fase; la data inserita è solo indicativa e sul visto verrà fornito un range di giorni entri i quali poter entrare in India (nel nostro caso la data del visto è fino a 15 giorni dopo la data di ingresso).

Quindi no worries se il volo dovesse essere spostato di qualche giorno. Dopo di che basta inserire la CAPTCHA anti robot (perché lo sanno tutti che i robot non sanno leggere) e confermare di aver letto le istruzioni e di avere tutti i documenti necessari per richiedere il visto online (ovvero i documenti ti abbiamo indicato a inizio articolo e in particolare la foto in formato jpg e il passaporto in pdf).

Cliccando su “Continue” viene visualizzato un pop up che informa che per proseguire è necessario essere in possesso di una foto recente colorata quadrata dalle dimensioni inferiori di 1 MB e copia del passaporto in PDF. Confermando si viene reindirizzati alla pagina “Applicant Details Form”, che contiene il proprio Temporary Application ID, ovvero un codice alfanumerico necessario per recuperare la richiesta del visto in caso di chiusura della pagina o interruzioni.

È molto importante copiare e incollare il codice da qualche parte, così da tenerlo al sicuro e poter riprendere la compilazione del modulo in qualsiasi momento.

Applicant Details – In questa sezione è necessario inserire i propri dati personali e in particolare Cognome, Nome (come riportato sul passaporto), Genere, Città di nascita, Paese di nascita, Numero del passaporto, Religione, Segni particolari (noi qui abbiamo inserito “NONE”), Titolo di studio e Tipo di nazionalità (cioè se è stata ottenuta per diritto di nascita o in un modo diverso).

Passport Details – Qui invece bisogna inserire i dati del proprio passaporto, ovvero: Numero di passaporto, Luogo di rilascio, Data di rilascio, Data di scadenza. Si può anche inserire in aggiunta al passaporto un secondo documento, noi abbiamo inserito i dati della nostra Carta d’identità, ma non è obbligatorio. Proseguiamo cliccando su “Save and Continue”.

Applicant’s Address Details – Adesso dobbiamo inserire i dati del nostro indirizzo di residenza: Via, Città, Paese, Provincia e Zip Code. Sebbene non ci sia l’asterisco, bisogna inserire anche il Numero di Telefono (senza +39, altrimenti da errore e bisogna re-inserire tutti i dati perché il sistema non legge il carattere “+”; in alternativa invece di +39 si può scrivere 0039). Se l’indirizzo inserito è lo stesso indirizzo di residenza, si può flaggare la spunta del Permament Address.

Family Details – In questa sezione vanno invece inseriti alcuni dati relativi alla famiglia e in particolare i dati dei propri genitori: Nome, Nazionalità, Luogo di nascita e Paese di Nascita, sia per il Padre che per la Madre.

Profession / Occupation Details of Applicant – Prima di inserire i dati sulla propria professione bisogna indicare il proprio stato coniugale (Sposato, Divorziato o Single) e indicare se si hanno o meno nonni o parenti pakistani. A questo punto si può procedere con l’inserimento dei dati sulla propria occupazione attuale: Tipo di impiego, Nome del business, Indirizzo del business e, se presenti, vecchi impieghi. Infine bisogna specificare se si appartiene a organizzazioni militari, semi militari o di polizia/sicurezza. Proseguiamo cliccando su “Save and Continue”.

Details of Visa Sought – In questa sezione vanno inseriti i dati relativi al visto che stiamo richiedendo e in particolare: Posti che verranno visitati (va bene semplicemente l’elenco delle città previste dall’itinerario; se non avete un itinerario va bene anche la sola città di partenza o una breve descrizione del giro che si intende effettuare), Dati di un eventuale Tour Operator in caso di prenotazione di un Hotel (noi abbiamo inserito “No” perché stiamo partendo per un viaggio di gruppo e non abbiamo prenotato alcun hotel direttamente) e Aeroporto previsto per l’uscita dal paese (nel nostro caso è Delhi).

Previous Visa/Currently valid Visa Details – Qui bisogna comunicare se siamo mai stati in India prima di questo viaggio. Noi selezioniamo “No”, perché non ci siamo mai stati e questa sarà la nostra prima volta in India (viaggio di gruppo in occasione dell’Holi Festival). Bisogna anche specificare se ci è mai stato rifiutato un visto per l’India… e anche in questo caso selezioniamo ovviamente “No”.

NB. Se il visto viene rifiutato ad esempio a causa del file caricato in una qualità non ottimale, è possibile ripetere la procedura senza alcun problema, ovviamente specificando poi che il visto è stato rifiutato una volta (il rifiuto del visto per l’India non è limitante come quello per gli USA, che se ti viene rifiutato ti costringe a prendere appuntamento con l’Ambasciata).

Other Information – Questa sezione è abbastanza noiosa, perché bisogna inserire tutti i paesi visitati negli ultimi 10 anni dando priorità ai paesi i cui timbri sono riscontrabili sul passaporto. Ci armiamo di tanta pazienza e compiliamo il campo (massimo 20 paesi, non si possono scrivere più di 20 paesi, quindi si consiglia di inserire quelli per i quali è stato rilasciato un visto sul passaporto).

SAARC Country Visit Details – Qui bisogna indicare se si è stati in uno dei paesi della SAARC negli ultimi tre anni (la SAARC è la “Associazione sud-asiatica per la cooperazione regionale”). Si tratta di un gruppo di paesi che include Afghanistan, Bangladesh, Bhutan, India, Maldive, Nepal, Pakistan e Sri Lanka. Noi non ci siamo ancora mai stati, quindi selezioniamo “No”.

Reference – In questa sezione bisogna inserire i dati di riferimento dei propri contatti in India. Va benissimo anche il nome del primo hotel prenotato e previsto nell’itinerario con relativo indirizzo e numero di telefono (anche in questo caso, quando si inserisce il numero si può evitare di inserire il prefisso, perché il sistema non accetta il carattere “+”). Infine bisogna inserire i dati di un proprio contatto di emergenza in Italia. Proseguiamo cliccando su “Save and Continue”.

Please provide below given details. Please give details if marked YES – Questa parte è molto simpatica. Bisogna specificare se si hanno mai avuti problemi con la legge, col terrorismo, col traffico di umani, sostanze illegali ecc. Se siete cittadini modello, bisogna selezionare “No” per tutte le domande e flaggare la conferma dell’accettazione consapevole e responsabile della dichiarazione. Proseguiamo cliccando su “Save and Continue”.

Upload Photograph – Abbiamo quasi finito. In questa sezione è necessario caricare il primo documento di cui ti abbiamo parlato a inizio articolo, ovvero una proprio foto personale. La foto deve essere in formato JPG o JPEG, ritagliata in formato quadrato. Non va bene una foto o una scansione della fototessera del passaporto.

Deve essere una foto recente del viso scattata possibilmente con uno sfondo bianco o chiaro, senza ombre strane. Noi ci siamo fatti un semplice selfie con una parete bianca alle spalle e lo abbiamo ritagliato e compresso con un tool gratuito online per farlo rientrare nel 1 MB di dimensione massima accettata.

Le specifiche sono importanti: massimo 1 MB di peso, minimo 350×350 pixels di dimensione. Una volta caricata, la foto può essere ritagliata stesso dal Sito del Governo Indiano (se è già quadrata e ritagliata, si può espandere al massimo il ritaglio per inglobare l’intera immagine caricata).

Document Upload – Qui invece bisogna inserire il secondo documento che ti abbiamo spoilerato a inizio articolo, cioè il passaporto. Bisogna caricare una fotocopia o scansione del passaporto in formato PDF, massimo 300 KB di peso.

Se non hai uno scanner, puoi fare come abbiamo fatto noi: foto del passaporto dall’alto col telefono, ritaglio, upload della foto su Canva e download del file in formato PDF. Facile, veloce e gratuito. Se il PDF risulta più pesante di 300 KB, ti basta googlare “free pdf compress” o qualcosa del genere, è pieno di tool gratuiti per la compressione di PDF.

Online VISA Fee Payment – Ormai ci siamo. Una volta caricati foto e passaporto, non resta che procedere con il pagamento. Per farlo bisogna accettare l’informativa che informa del fatto che il costo del visto non è rimborsabile, neanche nel caso in cui venga rifiutato.

Prima di procedere, è molto importante copiare e incollare in un luogo sicuro l’Application Id, un codice alfanumerico relativo al pagamento (è diverso dal codice temporaneo relativo alla domanda per il visto) che serve a monitorare lo stato del pagamento, a ripeterlo nel caso dovesse fallire e anche a verificare lo stato della richiesta del visto e a scaricare poi il visto ufficiale una volta che è stato concesso.

Alcuni utenti ricevono l’Application Id via mail dopo il pagamento, ma noi ad esempio non abbiamo ricevuto alcuna mail di conferma se non direttamente quella dell’accettazione del visto. Quindi è davvero importante salvare questo codice. Si spunta “Yes” e si clicca su “Pay now”.

Sebbene per il pagamento sia possibile scegliere PayPal, questo sistema può essere problematico (noi ad esempio abbiamo cercato di pagare con Paypal, ma il pagamento è stato rifiutato e siamo usciti dalla schermata..questo ci ha costretti a usare l’Application Id dopo 5 minuti per ritentare il pagamento e sbloccare la richiesta).

Per evitare problemi quindi si consiglia di usare il sistema di pagamento SBIePay e di selezionare il pagamento tramite Debit/Credit Card. Basta inserire i dati della carta e cliccare su “Pay Now”. Attualmente il costo del visto turistico da 30 giorni è di poco più di 25$ a persona.

Se tutto è andato a buon fine, visualizzerai un messaggio di conferma di questo tipo (vedi immagine seguente). Nel messaggio troverai ancora una volta l’Application Id (salvalo se non l’hai ancora fatto, è la tua ultima possibilità per farlo).

È scritto che la richiesta del visto può richiedere anche più di 72 ore per essere esaminata e approvata. Generalmente la maggior parte dei viaggiatori riceve la conferma in appena 12/24 ore, con dei ritardi solo durante i weekend. Non resta che rilassarsi e attendere la mail di conferma. Se la mail non dovesse arrivare, si potrà comunque verificare lo stato della richiesta usando l’Application Id dalla Home Page.

Dopo 12 ore dall’invio, abbiamo ricevuto la conferma dell’accettazione della richiesta del visto via mail. Il visto è rilasciato correttamente se l’Application Status è “Granted”.

Questo di seguito è lo screen della mail di conferma del rilascio del visto che abbiamo ricevuto. Come si legge nella mail, il Numero ETA (che è il codice del visto, ovvero il parametro che verrà verificato all’arrivo in India per l’applicazione del timbro sul passaporto) è valido fino al 29 Marzo 2024 (richiesta effettuata il 28 Febbraio 2024 per l’ingresso previsto per il 15 Marzo 2024).

Questa di seguito invece è la schermata che troviamo se andiamo a verificare lo stato della richiesta del visto sul sito ufficiale del Governo Indiano usando l’Application Id. Se il visto è stato rilasciato correttamente, è possibile cliccare su “Print Status” per scaricare il PDF del visto.

Nelle istruzioni è scritto che è necessario portare una copia del visto con se in aeroporto e non è chiaro se sia necessario stamparla o meno. Aggiorneremo questa parte dell’articolo appena arriveremo in India e ti faremo sapere se va bene anche una versione digitale del visto (chi stampa più nel 2024 !?).

Il visto in formato PDF appare sotto questo formato (vedi immagine di seguito). Contiene la foto recente caricata durante la compilazione della domanda (nel nostro caso un selfie con tanto di brufolo arrossato sullo zigomo, perché oh i brufoli devono uscire sempre nei momenti meno opportuni), un QR Code con tanto di codice a barre, i dati della richiesta compilata online (come il famoso e tanto caro Application Id), il numero di passaporto e il Numero ETA con la conferma di avvenuto pagamento online.

Procedura terminata. Speriamo che questa guida ti sia stata utile e che ti abbia aiutato a chiarire qualsiasi dubbio. Ovviamente se dovessi avere qualsiasi domanda non esitare a scriverci. Puoi contattarci sia tramite il modulo di contatto che trovi sul sito/App che tramite la chat di Facebook o Instagram.

Il 15 Marzo 2024 arriveremo in India per un viaggio di gruppo organizzato insieme a voi utenti della community e non vediamo l’ora di pubblicare post e storie dell’esperienza. Se stai leggendo questo articolo dopo questa data, è probabile che i contenuti siano già tutti online sul Profilo Instagram. Stay Poracci & Fly to India! 🇮🇳❤️

© Credit to OlegDoroshenko @ Depositphotos

Vuoi restare aggiornato sulle migliori offerte per viaggi low cost?

Il segreto per risparmiare è il tempismo e grazie ai nostri canali di comunicazione viaggiare a prezzi da poracci non è mai stato più semplice. Scarica la nostra App Android o App iOS! Grazie all’App potrai ricevere notifiche push in tempo reale direttamente sul tuo smartphone (no spam) e accedere velocemente al sito ogni qual volta pubblichiamo una nuova offerta poraccia!

In alternativa puoi restare costantemente aggiornato via Telegram o WhatsApp entrando nei nostri Canali Ufficiali Telegram e WhatsApp (non solo offerte, ma anche news e anteprime); seguendo le nostre Pagine Facebook e Instagram; entrando nel nostro Gruppo Facebook Ufficiale; oppure iscrivendoti alla nostra Newsletter (modulo di iscrizione in fondo al sito).

Scritto da NELLO ASCIONE

Su Instagram sono @neeelsch, classe ’95. Seguo Alessia in giro per il mondo e gestisco la parte web di Poracci In Viaggio. Mi piace scattare foto e girare video, ma adoro anche risolvere problemi in modo poraccioso e imparare cose nuove.

Potrebbero interessarti anche:

Poracci In Viaggio | Offerte Viaggi Low Cost